BU Power System News

Per­kins® Syn­cro – Piat­ta­for­ma di moto­ri modu­la­ri per mac­chi­ne per­for­man­ti

By 4. Giugno 2017 No Comments

Sul­la base di una vasta inda­gi­ne di mer­ca­to e di un son­dag­gio di clien­ti tar­get glo­ba­li nel cam­po dei pro­dut­to­ri di mac­chi­ne mobi­li, Per­kins ha pre­so la deci­sio­ne di svi­lup­pa­re una nuo­va piat­ta­for­ma di moto­ri nel­la gam­ma di poten­za da 45 kW a 100 kW.

Il risul­ta­to di uno dei mag­gio­ri inve­sti­men­ti nel­la sto­ria di Per­kins è la gam­ma Per­kins® Syn­cro, pre­sen­ta­ta per la pri­ma vol­ta a BAUMA 2016.

Il nome Syn­cro nasce dal­l’o­biet­ti­vo di “sin­cro­niz­za­re” lo svi­lup­po di una nuo­va piat­ta­for­ma di moto­re indu­stria­le con le aspet­ta­ti­ve del­l’OEM, sod­di­sfa­cen­do così le aspet­ta­ti­ve di una nuo­va gene­ra­zio­ne di moto­ri.

Le carat­te­ri­sti­che prin­ci­pa­li del­la nuo­va fami­glia di moto­ri sono:

  • Fami­glia di moto­ri a 4 cilin­dri con 2,8 litri e 3,6 litri, nel­la gam­ma di poten­za da 45 kW a 100 kW.
  • Con­cet­to di moto­re moder­no con siste­ma di inie­zio­ne com­mon rail per sod­di­sfa­re gli stan­dard di emis­sio­ne glo­ba­li; inclu­so Livel­lo UE 5 e Livel­lo EPA UE 4.
  • Svi­lup­pa­to a cau­sa dei requi­si­ti OEM — in oltre 80 diver­se situa­zio­ni di instal­la­zio­ne del­la mac­chi­na (2,8 litri e 3,6 litri).
  • Pro­get­ta­to per sod­di­sfa­re le esi­gen­ze di pre­sta­zio­ni, valo­re e affi­da­bi­li­tà a livel­lo mon­dia­le dei nostri clien­ti, apren­do nuo­vi mer­ca­ti e svi­lup­pan­do atti­vi­tà esi­sten­ti.
  • La den­si­tà ad alta poten­za in com­bi­na­zio­ne con la cop­pia ele­va­ta dispo­ni­bi­le anche a bas­si regi­mi del moto­re (+ 22% rispet­to ai buo­ni dati del pre­ce­den­te), con­sen­te agli OEM di “ridi­men­sio­na­re” le mac­chi­ne: mac­chi­ne più com­pat­te e più poten­ti.
  • Gli aspi­ran­ti pun­ti di for­za uni­ci dei nostri OEM sono rag­giun­ti anche con una sem­pli­ce inte­gra­zio­ne elet­tro­ni­ca. Inol­tre, ci sono nume­ro­se opzio­ni per quan­to riguar­da i com­po­nen­ti aggiun­ti­vi e il post-trat­ta­men­to degli sca­ri­chi per l’a­dat­ta­men­to — anche in con­di­zio­ni di instal­la­zio­ne dif­fi­ci­li.
  • Il bas­so con­su­mo di car­bu­ran­te rispet­to al moder­no con­cet­to di moto­re (3, 6 litri meno 8% rispet­to al suo pre­de­ces­so­re) può esse­re ulte­rior­men­te otti­miz­za­to median­te uno spe­ci­fi­co adat­ta­men­to del­la cur­va di poten­za ai prin­ci­pa­li pun­ti ope­ra­ti­vi del­la mac­chi­na OEM.
  • Il moto­re da 3,6 litri offre mac­chi­ne con cur­ve di poten­za ade­gua­te fino a 100 kW e 500 Nm di cop­pia.
  • Il moto­re da 2,8 litri ha un inter­coo­ler e offre mac­chi­ne con cur­ve di poten­za adat­ta­te fino a 55 kW e 325 Nm di cop­pia.
  • Un altro van­tag­gio per l’OEM è la sostan­zia­le ugua­glian­za del­le par­ti per il 90% dei moto­ri 2,8 litri e 3,6 litri, che si dif­fe­ren­zia­no ester­na­men­te solo da una pic­co­la dif­fe­ren­za di dimen­sio­ni. Que­sta cir­co­stan­za con­tri­bui­sce in modo signi­fi­ca­ti­vo alla stan­dar­diz­za­zio­ne del­la situa­zio­ne di instal­la­zio­ne e alla ridu­zio­ne del­l’in­ven­ta­rio dei pez­zi di ricam­bio.
NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!