Il “model­lo 231”: un’efficace rispo­sta al rischio, una tute­la per tut­ti

Il “Model­lo 231” è un siste­ma di prin­ci­pi, rego­le, pro­ce­du­re e con­trol­li che Bu Power Systems Ita­lia, sul­la base di una valu­ta­zio­ne dei rischi esi­sten­ti, adot­ta per pre­ve­ni­re la com­mis­sio­ne dei rea­ti elen­ca­ti nel D.Lgs.231/01.
Dotan­do­si di que­sto “Model­lo” e del rela­ti­vo Orga­ni­smo di Vigi­lan­za, la Socie­tà da un lato con­tri­bui­sce con­cre­ta­men­te alla dif­fu­sio­ne, al suo inter­no, del­la cul­tu­ra del­la respon­sa­bi­li­tà e del­la pre­ven­zio­ne, dall’altro si pone in con­di­zio­ne di dimo­stra­re che il rea­to even­tual­men­te com­mes­so non è impu­ta­bi­le ad una sua cat­ti­va orga­niz­za­zio­ne, o ad un insie­me di com­por­ta­men­ti nega­ti­vi di chi vi lavo­ra.

Secon­do la leg­ge, infat­ti, una Socie­tà può esse­re eso­ne­ra­ta dal­la Respon­sa­bi­li­tà Ammi­ni­stra­ti­va se strut­tu­ra al pro­prio inter­no un model­lo di rego­le e san­zio­ni, tale per cui la com­mis­sio­ne di un rea­to al suo inter­no può avve­ni­re solo in vio­la­zio­ne di quan­to pre­vi­sto dal model­lo stes­so, con evi­den­te dan­no per la Socie­tà che diven­ta, così “par­te lesa”.
Il model­lo per­met­te l’individuazione del­le respon­sa­bi­li­tà del sin­go­lo indi­vi­duo, sal­va­guar­dan­do il bene com­ples­si­vo del­la Socie­tà, cioè di tut­te le altre per­so­ne che in essa lavo­ra­no.